Il Londo Stadium, nuova casa del West Ham

Ighalo, Deeney, Capoue e Holebas: il Watford di Mazzarri umilia il West Ham

LONDRA – Dopo i ko interni con Chelsea e Arsenal, il Watford di Walter Mazzarri conquista la prima vittoria in campionato. E lo fa con una rimonta clamorosa al London Stadium, nuova casa del West Ham. Per il club londinese, oltre a una sconfitta difficile da spiegare, resta l’amaro in bocca anche per gli incidenti scoppiati in tribuna nelle fasi conclusive del match. L’unico che può chiudere questa infausta giornata con un mezzo sorriso è Michail Antonio, autore di due gol (entrambi su invito di Dimitri Payet) che gli permettono di issarsi in cima alla classifica marcatori a quota 4 in compagnia di un certo Zlatan Ibrahimovic. Nonostante la batosta per la sua nuova squadra, discreto esordio in Premier per Simone Zaza, che ci mette lo zampino in occasione del vantaggio degli Hammers.

MAGIA PAYET – Partenza a razzo degli uomini di Slaven Bilic, che dopo poco più di mezzora sono sul 2-0 grazie alla doppietta di Antonio. Il primo gol del 26enne centrocampista di Wandsworth arriva al 5′, con un’incornata su cross di Payet su un angolo conquistato da Zaza. La reazione del Watford è buona, con un paio di occasioni non sfruttate da Odion Ighalo, ma sono i padroni di casa a raddoppiare. E lo fanno con una magia di Payet, che prima fa venire il mal di testa a Miguel Britos a furia di finte, poi s’inventa una rabona perfetta per Antonio, che ancora di testa la mette dentro. Siamo al 33′ e per i londinesi sembra già fatta. Niente di più sbagliato.

RIMONTA – Ighalo e soci non ci stanno e al 41′ il nigeriano accorcia, approfittando di un errore di posizione del giovane terzino di casa Sam Byram. Poco prima dell’intervallo, poi, arriva il pari: errore in uscita di Adrián, Troy Deeney raccoglie e la mette dentro con un delizioso colpo a giro, ammutolendo il London Stadium. È il gol che taglia le gambe agli Hammers. Che, dirà Bilic al termine, rientrano negli spogliatoi bianchi come cenci.

SORPASSO – Le cose non migliorano a inizio ripresa. Anzi, il Watford passa in vantaggio grazie a Etienne Capoue, che infila al volo Adrián su invito di Roberto Pereyra. In una giornata che vede tante vecchie conoscenze della Serie A in primo piano, si fa vedere anche l’ex romanista José Holebas, che batte il povero portiere di casa con un tiro basso dopo uno scambio con Ighalo. A proposito di ex giallorossi, prova a farsi notare anche Stefano Okaka, che entra nel finale ma fa in tempo a farsi annullare la rete del 5-2 e a infortunarsi

DISORDINI – Gli Hammers finiscono tra i fischi. Non solo. Nelle fasi conclusive del match, in tribuna scoppiano violenti tafferugli, con i tifosi di casa impegnati a menarsi tra di loro, con gli steward e con i sostenitori in visita. Il tutto nella seconda partita di sempre nel nuovo stadio. Nessun arresto, ma dal club londinese fanno sapere di essere pronti a bandire a vita i supporter coinvolti. «Il West Ham condanna senza riserve il comportamento degli individui coinvolti nei disordini odierni. Anche se gli incidenti in questione sono stati velocemente controllati, questi comportamenti non devono avere spazio nel calcio e il West Ham lavora senza sosta per sradicarli. In questo campo siamo per la tolleranza zero e stiamo lavorando con la polizia per identificare gli individui coinvolti. Una volta identificati, i soggetti in questione saranno banditi a vita da ogni partita del West Ham».

REAZIONI – Fatica a darsi una spiegazione della sconfitta Slaven Bilic, che si lamenta soprattutto per l’atteggiamento dei suoi in occasione del primo gol del Watford: «Nei primi 40 minuti abbiamo controllato la partita e abbiamo avuto le migliori occasioni da rete. Ma non si può concedere un gol del genere – dice il croato -. Siamo stati troppo morbidi. È arrivato su un attacco scontato e avremmo almeno dovuto provare a rendergli la vita più complicata». Euforico, al contrario Walter Mazzarri, che si gode la prima vittoria in Premier: «Il West Ham ha giocato benissimo all’inizio – le parole del tecnico nostrano – mentre noi eravamo spaventati soprattutto in difesa. Ma anche noi abbiamo avuto le nostre buone occasioni da rete. Nella ripresa abbiamo giocato bene noi così come avevamo fatto contro l’Arsenal. Abbiamo vinto per meriti nostri, non per demeriti del West Ham. Se continuiamo così, sarà una grande stagione».

Risultati Premier League
Classifica Premier League

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s