Un murale dedicato al tecnico del Leicester City, Claudio Ranieri

Leicester City travolto ad Anfield: 4-1 per il Liverpool. Ranieri: «Ci rifaremo in Champions»

LIVERPOOL – Che per il Leicester City la difesa del titolo sarebbe stata difficile si sapeva. Che sarebbe stata così difficile forse no. A Liverpool i campioni d’Inghilterra crollano 4-1 sotto i colpi di Roberto Firmino (doppietta), Sadio Mané e Adam Lallana. Alle Volpi non basta il solito James Vardy, a segno nel primo tempo. Per la banda guidata da Claudio Ranieri è la seconda sconfitta in quattro giornate, la quinta in totale se si considera anche quella nel Community Shield col Manchester United. Nella trionfale cavalcata della scorsa stagione, i ko in Premier erano stati appena tre. Qualcosa, chiaramente, non sta funzionando. E l’allenatore romano deve trovare in fretta delle risposte, anche perché l’esordio in Champions League contro il Club Brugge è alle porte.

KLOPP MANIA – Sembra invece funzionare alla perfezione il Liverpool di Jürgen Klopp, alla terza goleada in in cinque partite ufficiali. La battuta d’arresto a Burnley sembra dimenticata. Il tecnico tedesco si gode i tre punti: «Oggi i ragazzi hanno fatto quello che mi aspetto da loro –  dice l’ex Borussia Dortmund -. Io sono dalla parte dei giocatori. Da loro dipendono le buone prestazioni, mentre quelle cattive sono colpa mia. È tutto molto semplice. Bisogna vedere se sapremo trovare continuità. La Premier è incredibilmente dura e competitiva e oggi siamo stati bravi. Dobbiamo essere capaci di creare questa atmosfera non solo quando giochiamo contro i campioni o quando facciamo quattro gol». Klopp è sempre più l’idolo di Anfield, con la Kop che canta il suo nome in continuazione. Il diretto interessato, però, non sembra gradire: «Non voglio che cantino il mio nome prima che la partita sia decisa – spiega -. È carino, ma non è necessario».

NIENTE SCUSE – Se Klopp al momento deve solo preoccuparsi del troppo amore dei tifosi, è in tutt’altre faccende affaccendato il povero Ranieri. Che non cerca scuse per la sconfitta: «Il Liverpool ha meritato di vincere. Ci aspettavamo questo tipo di partita, molto aggressiva. Siamo andati bene per i primi dieci minuti, prima del loro gol, ma poi abbiamo perso la possibilità di giocare in  contropiede e siamo crollati. Loro erano inarrestabili. Hanno meritato di vincere perché hanno creato molte più occasioni di noi». Quanto all’immediato futuro, l’ex allenatore di Chelsea, Juve e Roma non sembra particolarmente preoccupato: «I ragazzi ritroveranno subito l’energia mentale perché non vedono l’ora di giocare in Champions League a Bruges». Gli fa eco Danny Drinkwater: «Oggi è stata dura anche perché è come se non ci fossimo presentati ad Anfield. Ma non dobbiamo stare a rimuginare troppo su questo ko. Ci penserà il mister. Abbiamo un buon spirito di squadra e questo aiuta in momenti come questo. Abbiamo una gara di Champions cui pensare, adesso azzeriamo tutto e pensiamo solo a quello».

Risultati Premier League
Classifica Premier League
Foto di Phil McIver

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s