Guidolin a rischio esonero. Lo Swansea pensa a Giggs

LONDRA – Francesco Guidolin è a rischio esonero. E lo Swansea City pensa a Ryan Giggs come suo possibile successore. Il cambio in panchina potrebbe avvenire a ottobre, quando la Premier si fermerà per le partite di qualificazione ai prossimi Mondiali. A scriverlo è il “Telegraph”, che senza tanti giri di parole definisce il tecnico veneto un “dead man walking”. Non sarebbe questione di se, dunque, ma solo di quando.

FRENATA – A volere il licenziamento di Guidolin sarebbe il presidente Huw Jenkins, che era pronto a procedere immediatamente. A fermarlo, almeno per il momento, i nuovi proprietari americani del club gallese, Steve Kaplan e Jason Levien, arrivati a giugno e desiderosi di mantenere un po’ di stabilità in questa prima fase della loro avventura con gli Swans. Jenkins aveva programmato un incontro con Giggs prima del match di League Cup poi perso dai suoi contro il Manchester City (1-2), ma è stato appunto stoppato da Kaplan e Jenkins.

SCINTILLA – Il destino di Guidolin sarebbe comunque segnato. La scintilla con la dirigenza degli Swans non è mai scatta, nonostante i buoni risultati della scorsa stagione: arrivato a gennaio al posto di Garry Monk con un incarico temporaneo e con la squadra in zona retrocessione, l’ex allenatore dell’Udinese ha concluso la Premier con un confortevole 12° posto, guadagnandosi la conferma.

SCETTICISMO – Intorno a lui, però, c’è sempre stato un po’ di scetticismo. E il cattivo inizio dell’annata 2016-2017 – solo 4 punti nelle prime 5 di Premier ed eliminazione al 3° turno della League Cup per un totale di 4 ko su 6 partite ufficiali – non ha fatto altro che rendere più pesante un’atmosfera già di suo non molto rilassata. Una parte della squadra, inoltre, non gli va più dietro, come dimostrato dagli scazzi con due senatori come Neil Taylor e Ki Sung-yeung dopo sostituzioni non gradite.

TOUR – In più, c’è l’accusa di scarso impegno. Il “Telegraph” riporta voci di corridoio secondo le quali durante il tour estivo negli Stati Uniti Guidolin, noto appassionato di ciclismo, avrebbe saltato più di un allenamento per seguire il Tour de France.

ACQUISTI – Il cahier de doléances non finisce qui. Guidolin è sul banco degli imputati anche perché nessuno degli obiettivi estivi – da Nacer Chadli ad Hakim Ziyech passando per Joe Allen e Leonardo Ulloa – è approdato al Liberty Stadium. Certo, dal Siviglia è arrivato Fernando Llorente, ma il 31enne attaccante ex Juventus finora non ha brillato.

TRITTICO – In situazioni come quella che sta vivendo Guidolin, il calendario può essere d’aiuto. Ma il trittico che attende lo Swansea è terrificante: Manchester City e Liverpool in casa, quindi a Londra contro l’Arsenal. Arrivassero sconfitte pesanti con le squadre di Pep Guardiola e Jürgen Klopp, il tecnico veneto potrebbe anche non essere in panchina all’Emirates.

EREDE – Come detto, il presidente Jenkins ha già in mente l’erede: Ryan Giggs. L’ex stella del Manchester United di Sir Alex Ferguson, dopo due anni come vice di Louis Van Gaal ha rifiutato di rimanere nello staff tecnico dei Red Devils con l’arrivo di José Mourinho. In estate si era parlato di un suo approdo al Nottingham Forest, ma il lavoro è poi andato a Philippe Montanier e negli ultimi mesi Giggs si è guadagnato la pagnotta come opinionista in tv. Non è un mistero, però, che sia suo desiderio quello di tentare la carriera manageriale. Al suo attivo ci sono solo tre match da primo allenatore nel 2014 allo United al posto dell’esonerato David Moyes. E proprio la sua inesperienza potrebbe frenare gli entusiasmi di Jenkins. In più, Giggs è originario di Cardiff e la cosa potrebbe non andare particolarmente a genio ai tifosi dello Swansea.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s