Antonio Conte

Conte: «Chelsea, col City è un esame di maturità»

«Domani è un grande test per noi. Sappiamo che non sarà facile, perché affrontiamo una grande squadra, ma vogliamo far vedere quanto bene stiamo lavorando. È un altro passo per noi per mostrare che cosa è cambiato dall’inizio della stagione». Nonostante domani il suo Chelsea sia atteso da una gara durissima in casa del Manchester City di Pep Guardiola, è un Antonio Conte rilassato quello che si presenta davanti ai giornalisti. Certo, è troppo presto per definirla sfida decisiva, visto che siamo solo alla 14ª giornata di Premier League, ma è sicuramente un appuntamento importante per valutare la reale forza dei Blues, che guidano la classifica in solitaria grazie a 7 successi di fila, con una lunghezza di vantaggio sul Liverpool e sullo stesso City.

Per i londinesi è il quarto big match. I primi due sono stati persi abbastanza malamente con Liverpool in casa (1-2) e, soprattutto, con Arsenal in trasferta (3-0). Ma poi sono arrivati il 4-0 ai danni del Manchester United di José Mourinho e il 2-1 in rimonta nell’ultima di campionato contro il Tottenham. Contro gli Spurs, il Chelsea non ha giocato al meglio, soprattutto nel primo tempo, e ha anche subìto gol dopo 6 match a rete inviolata, ma i 3 punti sono stati comunque messi in cascina. Ma, secondo Conte, per la squadra è stata una lezione importante. «Contro il Tottenham abbiamo avuto un primo tempo difficilissimo – dice l’ex ct azzurro -. Di solito, le difficoltà aiutano a crescere. Questa settimana abbiamo studiato tanto quella partita. È importante capire che abbiamo giocato contro una grande squadra che la scorsa stagione ha lottato per il titolo. L’anno scorso sono finiti al terzo posto e noi al 10°. Il fatto che ora siano 7 punti dietro di noi è un grande risultato. Se avessimo giocato come a inizio stagione, sono sicuro che una partita del genere l’avremmo persa. Dopo sei partite di fila senza prendere gol c’è un po’ di disappunto nel subirlo. Ma non abbiamo concesso loro la chance di segnarne un altro. Dobbiamo continuare a essere solidi. Domani è un test per la nostra solidità».

Domani all’Etihad di Manchester Conte affronterà Guardiola per la prima volta in carriera. «Non ho mai affrontato Pep. Ho grande rispetto per lui perché è uno che ama studiare il calcio, ama sperimentare nuove soluzioni. Quando hai una precisa idea di gioco, non è facile trasmetterla in un breve periodo di tempo, ma lui è un allenatore fantastico e sta facendo un lavoro incredibile col City». Il manager pugliese non si sbilancia sulla formazione, ma dalle sue dichiarazioni si capisce che per la settima volta di fila partirà lo stesso undici: «Questi giocatori meritano di partire. Sono contento di quelli che vanno in campo, di quelli che vanno in panchina e quelli che vanno in tribuna. C’è la giusta atmosfera». Elogi per tutti, dunque, ma soprattutto per il capocanniere di Premier (in caobitazione con Sergio Agüero), Diego Costa. L’ex Atletico Madrid, naufragato l’anno scorso, sembra rinato. «Sta mostrando grande pazienza – il commento di Conte -. È fantastico per il club. È bello parlare di lui in maniera positiva. All’inizio della stagione, si parlava solo della sua pazienza e di come cambiare il suo comportamento. Adesso è importante che continui in questo modo».

Nell’immagine, il tecnico del Chelsea Antonio Conte (foto Nazionale Calcio)

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s